.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore. Alcune delle foto presenti su questo blog sono state reperite in internet: chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può contattarmi per chiederne la rimozione.
 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog  



Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

politica interna
Buon compleanno, libertà
25 aprile 2009
 
Il bersagliere ha cento penne
e l'alpino ne ha una sola,
il partigiano ne ha nessuna
e sta sui monti a guerreggiar.

Là sui monti vien giù la neve,
la bufera dell'inverno,
ma se venisse anche l'inferno
il partigiano riman lassù.

Quando viene la notte scura
tutti dormono alla pieve,
ma camminando sopra la neve
il partigiano scende in azion.

Quando poi ferito cade
non piangetelo dentro al cuore,
perché se libero un uomo muore
che cosa importa di morir.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. 25 aprile liberazione

permalink | inviato da raser il 25/4/2009 alle 0:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
politica interna
Se io fossi Berlusconi
21 aprile 2009

(Sempre per parlare di polemiche che solo da noi possono occupare pagine di giornali)

Se io fossi Berlusconi non ci penserei su nemmeno un istante e coglierei al volo l'assist di Franceschini, recandomi a Milano alla sfilata per la festa del 25 Aprile, perché comunque non avrei che da guadagnare.

Se infatti non dovesse succedere nulla, Silvio farebbe la figura del Presidente del Consiglio dialogante e coerente con i propri doveri istituzionali. Anzi, dopo la crescita di popolarità ottenuta con l'obiettivamente ottima gestione dell'emergenza abruzzese , ed il lungo periodo senza gli scontri con l'opposizione e le uscite polemiche a cui aveva abituato gli italiani, la sua prima partecipazione alle celebrazioni della Liberazione ne rafforzerebbe la nuova immagine di uomo di governo e di Presidente di tutti gli italiani.

Nella migliore (per lui) delle ipotesi, nonché la più probabile, Berlusconi si ritroverebbe in mezzo ad una contestazione di mentecatti sedicenti difensori della libertà, che nella migliore tradizione della sinistra italiana riuscirebbero a farlo passare per una vittima, per un martire della libertà, dandogli per gli anni a venire il materiale di propaganda anticomunista da usare in Italia e all'estero, e giustificando a posteriori anche la sua scelta di non partecipare negli anni passati.

Perché dunque perdere l'occasione di vincere facile?

sfoglia
marzo        maggio


IL CANNOCCHIALE